La paralisi del sonno si verifica in fase di addormentamento o risveglio, in un periodo di tempo nel quale la muscolatura volontaria è inibita, anche se è preservata la capacità di compiere in modo volontario movimenti oculari1.

Cosa sono le paralisi del sonno?

Le paralisi del sonno sono una parasonnia che caratterizza la fase REM del sonno, ovvero viene esperita in uno stato di semi-veglia. Nel concreto, la persona è vigile e cosciente, ma avverte uno stato di totale atonia muscolare. Quindi, ogni tentativo di muovere i muscoli del corpo e quindi anche di parlare o chiedere aiuto risulta vano. Inoltre, può esservi un certo controllo sulla respirazione, anche se è frequente la sensazione di soffocamento. Tali episodi sono solitamente di breve durata, da pochi secondi a 20 minuti.

Lo scarso interesse scientifico e la peculiarità dell’esperienza stessa ha fatto sì che nel corso degli anni siano state attribuite alle paralisi del sonno spiegazioni soprannaturali, chiamando in causa il demonio, gli spiriti, le streghe e l’essere impossessati dagli alieni3.

Paralisi_sonno

A differenza di quanto si possa pensare, è un fenomeno relativamente comune. Infatti, almeno il 10% della popolazione generale e il 30% della popolazione con difficoltà di natura psicologica ha esperito almeno un episodio di paralisi del sonno nell’arco della vita.2

Vissuti psicologici

Le paralisi del sonno possono essere isolate o ricorrenti e spesso associate a vivide allucinazioni dal contenuto spesso terrifico, simile agli incubi notturni. Nonostante di per sè non siano pericolose, non c’è da sorprendersi se sono frequentemente associate a stati d’ansia o intensa paura legati al sonno. Ad esempio, si può notare la presenza di:

  1. Pensieri catastrofici sulle possibili conseguenze delle paralisi (es. “Sto impazzendo” o “Resterò bloccato per sempre”).
  2. Comportamenti di evitamento (es. ritardare quanto più possibile l’addormentamento, esitando talvolta in insonnia).
  3. Altre sequele negative (es. sonnolenza diurna, imbarazzo)4.

Quali sono i metodi maggiormente utilizzati dalle persone per prevenire gli episodi di paralisi del sonno?

Proprio a causa del distress psicologico concomitante, spesso le persone mettono in atto dei comportamenti per prevenire l’insorgenza di paralisi del sonno. Tra questi, i più comuni sono:

  • Cambiare posizione in cui ci si addormenta.
  • Modificare i pattern di addormentamento.
  • Evitare stimoli stressogeni prima di dormire.
  • Utilizzare tecniche di rilassamento.
addormentarsi paralisi sonno

Quale trattamento per risolvere le paralisi del sonno?

Nonostante sia un fenomeno abbastanza diffuso, pochi sono gli approcci farmacoterapici e psicoterapici che hanno dimostrato la loro efficacia. Il trattamento cognitivo-comportamentale per le paralisi del sonno5 si basa su 3 fasi:

  1. Preparazione: monitoraggio della frequenza, intensità e durata degli episodi di paralisi del sonno, comprensione del loro funzionamento, gestione dei pensieri e delle emozioni associate.
  2. Prevenzione: condivisione e applicazione dei principi di igiene del sonno, respirazione diaframmatica, rilassamento muscolare progressivo, mindfulness.
  3. Gestione degli episodi stessi: applicazione delle tecniche di rilassamento, cognitive e comportamentali apprese, modificazione del focus attentivo durante il verificarsi di un episodio di paralisi del sonno.

In conclusione, non esitare a rivolgerti a uno specialista. Scopri di più su chi sono, sulle mie aree di intervento o contattami direttamente.

Bibliografia

1. American Academy of Sleep Medicine. (2005). International classification of sleep disorders: Diagnostic & coding manual (2nd ed.). Darien, IL: American Academy of Sleep Medicine. 

2.Sharpless, B. A. & Barber, J. P. (2011). Lifetime prevalence rates of sleep paralysis: A systematic review. Sleep. Medicine Reviews, 15(5), 311–315. doi:10.1016/j.smrv.2011.01.007.

3. Clancy, S. A. (2007). Abducted: How people come to believe they were kidnapped by aliens. Cambridge, MA: First Harvard University Press. 

4. Brian Andrew Sharpless & Jessica Lynn Grom. (2016). Isolated Sleep Paralysis: Fear, Prevention, and Disruption, Behavioral Sleep Medicine, 14:2, 134-139. DOI: 10.1080/15402002.2014.963583 

5. Sharpless, B. A. & Doghramji, K. (2015). Sleep Paralysis: Historical, Psychological, and Medical Perspectives. New York, NY: Oxford University Press. doi: 10.1093/med/9780199313808.001.0001 

Categorie: Sonno

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.